dove come quando

"il silenzio è d'oro, la parola d'argento"

Terremoti, allerta rapida con smartphone e tablet

18af4d56892a014bbf52b077ce9fa9a3Smartphone e tablet possono diventare il cuore di un sistema hi-tech ed economico per l’allerta rapida dei terremoti. I loro sensori Gps sono infatti in grado di rilevare gli spostamenti del suolo generati dal movimento delle faglie, anche se con una precisione minore rispetto a quella dei sistemi tradizionali basati su sensori che rivelano le onde sismiche.
Il sistema, descritto sulla rivista Science Advances, si deve al Servizio per la Sorveglianza Geologica degli Stati Uniti (Usgs).

Efficace e veloce per avvertire dell’arrivo di un terremoto violento, almeno di magnitudo 7 (ma non di magnitudo inferiore), il sistema sara’ testato sulla costa del Cile, integrato con un sistema di allerta tradizionale.

Nonostante gran parte della popolazione del mondo viva in zone a rischio sismico anche alto, sistemi di allerta rapida attualmente esistono solo in pochi Paesi, tra cui Giappone e Messico. ”La maggior parte delle persone non riceve avvisi tempestivi sui terremoti a causa principalmente del costo per realizzare le reti di monitoraggio scientifico necessarie” rileva il geofisico Benjamin Brooks, della Usgs.

I sistemi di allerta rapida dei terremoti rilevano l’inizio del sisma e avvisano rapidamente le persone. Nelle sperimentazionicondotte dall’Usgs il Gps presente negli smartphone e tablet ha dimostrato che e’ in grado di rilevare gli spostamenti del suolo causati da un grande terremoto. I dati forniti dagli smartphone, vengono usati per rilevare il terremoti, analizzarlo e poi trasmettere l’allerta.

L’efficacia del sistema e’ stata testata simulando un terremoto di magnitudo 7, e usando i dati reali del terremoto di magnitudo 9 avvenuto nel 2011 in Giappone. I test mostrano che il sistema di allerta funziona anche se solo una parte delle persone e’ dotata di smartphone che forniscono i dati nella zona del sisma. Ad esempio, se in una grande area metropolitana sono coinvolti i telefoni cellulari di meno di 5.000 persone, il terremoto puo’ essere rilevato e analizzato abbastanza velocemente per emettere un’allerta alla popolazione in tempo utile.

LINK: http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/terrapoli/2015/04/14/terremoti-allerta-rapida-con-smartphone-e-tablet_cdd5bb0a-4647-4a15-a208-e41000f407ac.html

TRADOTTO CON GOOGLE

Smartphones and tablets can become the heart of a hi-tech and inexpensive for the early warning of earthquakes. Their GPS sensors are in fact able to detect displacements of the soil generated by the movement of the faults, although with a lower precision than that of the traditional systems based on sensors that reveal the seismic waves.
The system, described in the journal Science Advances, is due to the Service for the Supervision of the US Geological Survey (USGS).

Effective and quick to warn of the arrival of a violent earthquake, with a magnitude of at least 7 (but not magnitude lower), the system will be ‘tested on the coast of Chile, integrated with a traditional warning system.

Despite much of the world’s population living in areas prone to earthquakes also high, early warning systems currently exist only in a few countries, including Japan and Mexico. ” Most people do not receive timely alerts on earthquakes mainly due to the cost to build networks of scientific monitoring necessary ” detects geophysicist Benjamin Brooks, of the USGS.

The early warning systems for earthquakes detect the onset of the quake and quickly warn people. In the USGS sperimentazionicondotte Gps present in smartphones and tablet showed that and ‘able to detect the movements of the ground caused by a large earthquake. The data provided by smartphone, is used to detect earthquakes, analyze it and then transmit the alert.

The effectiveness of the system and ‘was tested by simulating an earthquake of magnitude 7, and using the real data of the magnitude 9 earthquake occurred in 2011 in Japan. Tests show that the warning system works even if only a part of the people and ‘with smartphones that provide the data in the area of ​​the earthquake. For example, if in a large metropolitan area are involved mobile phones less than 5,000 people, the earthquake can ‘be detected and analyzed quickly enough to issue an alert to the population in time.

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: