dove come quando

"il silenzio è d'oro, la parola d'argento"

Scienza: La prima istantanea di un nano-arcobaleno

Una nuova tecnologia alla base delle future celle solari.

L'arcobaleno ricostruito con tecnologia nanometrica (fonte: Jean-Sebastien Bouillard, Ryan McCarron)

L’arcobaleno ricostruito con tecnologia nanometrica

Mai visto un arcobaleno così piccolo. La ricerca pubblicata sulla rivista Nature e coordinata da Zayats Anatoly, del Kings College di Londra, ha dimostrato in dettaglio come separare i colori e creare degli arcobaleni utilizzando minuscole strutture, delle dimensioni di miliardesimi di metro, sopra una superficie metallica. La tecnologia potrà migliorare l’efficienza di celle solari, display, televisori e tecniche scientifiche per il rilevamento dell’immagine.

Nanostrutture di vario genere sono state prese in considerazione per le applicazioni delle celle solari, allo scopo di aumentare l’efficienza di assorbimento della luce”, spiega Zayats. ”I nostri risultati – aggiunge – dimostrano che non è necessario mantenere le celle solari illuminate in una posizione fissa, senza comprometterne l’efficienza”. La grande differenza con gli arcobaleni naturali, nei quali il rosso appare sempre sul lato esterno e il blu sul lato interno, ”è che nelle nanostrutture create dai ricercatori è possibile controllare la posizione dei colori, oltre a poter separare i colori su diversi lati delle nanostrutture”.

Oltre 150 anni fa lo stesso istituto King scoprì come separare e proiettare colori diversi, aprendo la strada al mondo dei moderni display e televisori a colori. La sfida di oggi è quella della manipolazione del colore su scala nanometrica. I ricercatori sono stati in grado di intrappolare la luce di colori diversi e in diverse posizioni, utilizzando nanostrutture appositamente progettate. Sulla base di questa nuova tecnologia un arcobaleno ‘intrappolato’ potrebbe essere creato su una pellicola d’oro dell’ordine di alcuni micrometri, circa 100 volte più piccola rispetto a diametro di un capello umano.

Translated with Google Translate

Never seen a rainbow so small. The research published in the journal Nature and coordinated by Anatoly Zayats, King’s College London, has shown in detail how to separate the colors and create rainbows using tiny structures, the size of billionths of a meter above a metal surface. The technology can improve the efficiency of solar cells, displays, televisions and scientific techniques for the detection of the image.

” Nanostructures of various kinds have been taken into consideration for applications of solar cells, in order to increase the efficiency of absorption of light”, explains Zayats. ” Our results – adds – show that it is not necessary to maintain the solar cells illuminated in a fixed position, without compromising its efficiency”. The big difference with the natural rainbows, in which the red is always on the outside and blue on the inside,” is that in nanostructures created by the researchers can control the placement of the colors, in addition to separate the colors on different sides nanostructures”.

Over 150 years ago the same institution King discovered how to separate and to project different colors, paving the way to the world of modern displays and color televisions. The challenge today is that of color manipulation at the nanoscale. The researchers were able to trap light of different colors and in different positions, using specially designed nanostructures. On the basis of this new technology a rainbow ‘trapped’ could be created on a gold film of the order of a few micrometers, about 100 times smaller than the diameter of a human hair.

 

Fonte – Ansa.it

Pmd-Group Srl.

Sponsored by
Pmd-Group Srl

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: