dove come quando

"il silenzio è d'oro, la parola d'argento"

Scienze: ‘Addobbi’ celesti nel cielo di dicembre

 Luna e Venere nel cielo di dicembre (fonte: Marco Meniero, http://www.meniero.it/)

Luna e Venere nel cielo di dicembre

Il cielo di dicembre sarà addobbato come uno sterminato albero di Natale, illuminato da una cascata di pianeti, una pioggia di meteore e infine dall’atteso asteroide Toutatis, che lo attraverserà come un gigantesco festone. A ricordare gli appuntamenti principali per gli appassionati col naso all’insù sono gli esperti dell’Unione astrofili italiani (Uai).

Giove sarà l’astro più brillante del cielo per tutto il mese: il 3 dicembre raggiungerà l’opposizione restando visibile dal tramonto fino all’alba per l’intera notte. A fargli compagnia, a partire dal 2 dicembre e fino a metà mese, ci sarà una cascata di pianeti che illuminerà le prime ore del mattino: sopra l’orizzonte orientale sarà possibile osservare Venere, seguita da Saturno e Mercurio. Nelle mattine del 10, 11 e 12 dicembre il ‘trio’ planetario sarà accompagnato anche da una sottile falce di Luna.

Proprio la Luna offrirà un curioso spettacolo nella notte tra il 3 e il 4 dicembre: poco dopo la mezzanotte occulterà la visione delle stelle dell’ammasso aperto M67 nel Cancro.

Per i cacciatori di stelle cadenti l’appuntamento è invece per la notte di Santa Lucia. Proprio il 13 dicembre, infatti, si avrà il picco delle Geminidi, la cui pioggia (visibile dal 10 al 15 dicembre) sarà comparabile per quantità e brillantezza a quella delle Perseidi di agosto.
”Le circostanze con cui potremo osservarle quest’anno sono parecchio favorevoli – spiegano gli esperti della Uai – dato che non ci sarà il disturbo della Luna e che la maggior frequenza dovrebbe verificarsi verso la mattina. Si potranno quindi ottenere le osservazioni più utili soprattutto dalla mezzanotte all’alba, quando il radiante sarà più alto sopra l’orizzonte. Le vedremo irradiarsi da un’area poco a nord-ovest di Castore, in numero maggiore prima del massimo, anche se meno luminose”.

Nella notte tra il 20 e il 21 dicembre, dopo la mezzanotte, sarà bene tenere sotto controllo anche l’attività delle Ursidi, originate dalla cometa 1856 Tuttle, che potranno mostrare imprevisti aumenti della loro frequenza.

L’evento piu’ atteso del mese sarà però il ritorno dell’asteroide Toutatis in uno dei suoi passaggi più ravvicinati. Questo corpo celeste passerà a 6,9 milioni di chilometri dalla Terra l’11 e il 12 dicembre. Il suo passaggio così a breve distanza lo renderà un oggetto molto interessante: osservandolo al telescopio, sarà possibile apprezzarne il movimento tra le stelle.

Translated with Google Translate

The sky in December will be decked out like an immense Christmas tree, lit by a cascade of planets, a meteor shower, and finally by the expected asteroid Toutatis, that the cross like a giant swag. As a reminder of the main events for fans with a snub nose are the experts of the Italian amateur (Uai).

Jupiter will be the brightest star in the sky throughout the month: December 3rd will reach the opposition remaining visible from dusk until dawn for the entire night. To keep him company, with effect from 2 December until mid-month, there will be a cascade of planets that will illuminate the early hours of the morning above the eastern horizon, you can see Venus, followed by Saturn and Mercury. In the mornings of 10, 11 and 12 December, the ‘trio’ planetarium will be accompanied by a thin crescent moon.

Just the Moon will offer a curious spectacle in the night between 3 and 4 December: shortly after midnight will hide the view of the stars in M67 opened in Cancer.

For hunters shooting stars, the appointment is for the night instead of Saint Lucia. Just 13 December, in fact, you will have the peak of the Geminids, whose rain (visible 10 to 15 December) will be comparable in quantity and brilliance to that of the Perseids of August.
” The circumstances in which we can observe this year are quite favorable – experts say the Uai – since there will be no disturbance of the Moon and that the greater frequency should occur towards morning. You can then obtain the most useful observations mainly from midnight to dawn, when the radiant is highest above the horizon. We’ll see that radiate from an area just north-west of Castor, in greater numbers than before the maximum, although less bright.”

In the night between 20 and 21 December, after midnight, it will be good to keep under control the activities of Ursidi, arising from the comet Tuttle in 1856, which may show unexpected increases in their frequencies.

The event more ‘expected of the month, however, will be the return of the asteroid Toutatis in one of its steps closer together. This celestial body will go to 6.9 million kilometers from Earth on 11 and 12 December. His passing so close to an object will make it very interesting watching through a telescope, you can appreciate the movement of the stars.

Fonte – Ansa.it

Pmd-Group Srl.

Sponsored by
Pmd-Group Srl

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: