dove come quando

"il silenzio è d'oro, la parola d'argento"

Auto/Moto: RC auto, accorpamento Province, rincari per 1,5 mln persone

Rischiano Parma, Treviso, Siena e Pistoia

Province: con accorpamento rincari RC auto per 1,5 mln persone

Province: con accorpamento rincari RC auto per 1,5 mln persone

ROMA – L’accorpamento delle Province deciso dal governo potrebbe determinare rincari del premio RC auto per oltre un milione e mezzo di automobilisti. Lo rivela un’analisi del sito web Facile.it, secondo cui l’imposta provinciale, compresa tra il 9 e il 16%, potrebbe aumentare fino al 2% per diverse province piccole inglobate in quelle piu’ grandi.
Stando allo studio, a subire i danni maggiori sarebbero i residenti della provincia di Parma: oggi hanno un’aliquota del 14%, che salirebbe al 16% in caso di accorpamento con Piacenza (se fosse questa seconda a prevalere). Potrebbe andare peggio solo agli automobilisti trevigiani che, dopo essere riusciti a diminuire l’aliquota e a pagare dal 1 settembre 2012 il 15%, si trovano sospesi fra un possibile ritorno alla soglia massima del 16% se venissero accorpati a Belluno e prevalesse la tariffa di questa provincia, e un notevole risparmio nel caso di un’unione con Padova, che applica un’imposta del 12.5%.
Rincari in vista anche per gli automobilisti pistoiesi e senesi che, unendo i propri destini tariffari a quelli dei conducenti delle province di Prato, Massa e Lucca i primi, di Arezzo e Grosseto i secondi, potrebbero pagare lo 0,5% in piu’.
Buone notizie, di contro, per chi vive a Teramo: l’accorpamento con L’Aquila farebbe scendere l’aliquota dal 16 al 15,5%.

Translated with Google Translate

ROME – The incorporation of the provinces decided by the government could lead to increases in motor insurance premium for more than one and a half million motorists. This was revealed by an analysis of the website Facile.it, that the provincial tax, between 9 and 16%, may increase up to 2% for several small provinces incorporated into the more ‘great.
According to the study, to suffer the most damage would be the residents of the province of Parma today have a rate of 14%, which would rise to 16% in the case of a consolidation with Piacenza (if it were the latter to prevail). It could be worse only to drivers who Treviso, having managed to reduce the rate and pay from 1 September 2012 to 15%, are suspended between a possible return to the maximum threshold of 16% if they were merged in Belluno prevailed and the rate of this province, and a considerable saving in the case of a union with Padua, which imposed a tax of 12.5%.
Increases in sight for motorists Pistoia and Siena which, uniting their destinies tariff to those drivers in the provinces of Prato, Lucca and Massa first, Arezzo and Grosseto seconds, could pay 0.5% more ‘.
Good news, in contrast, for those who live in Teramo: the consolidation with L’Aquila would reduce the rate from 16 to 15.5%.

 

Fonte – Ansa.it

Pmd-Group Srl.

Sponsored by
Pmd-Group Srl

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: