dove come quando

"il silenzio è d'oro, la parola d'argento"

Governo: fuori dalla realta’ spegnere il riscaldamento nelle scuole.

Taglio di 7.400 posti letto negli ospedali

Ragazzi in aula

Ragazzi in aula

ROMA “Ventilare l’idea di spegnere i riscaldamenti nelle scuole o proporre vacanze più lunghe agli studenti per ipotetici risparmi appare una proposta fuori dalla realtà”. E’ quanto si afferma in una nota diffusa da palazzo Chigi, in cui si sottolinea che il governo punta a “ottimizzare costi e servizi” delle province.

Tutte le Province italiane faranno ricorso ai tar contro i tagli varati dal Governo contro le Province: lo ha annunciato Saitta, neopresidente dell’Upi, spiegando che “si tratta di una decisione non più rinviabile, visto che i 500 milioni di tagli imposti alle Province non sono sopportabili”.Le Province italiane decideranno a breve la chiusura dei riscaldamenti nelle scuole e conseguentemente l’aumento delle vacanze per gli studenti. Saitta ha spiegato che l’iniziativa ”prende le mosse per protestare contro i tagli di 500 milioni decisi con la spending review”.”Il governo è ingrato e decisioni come queste debbono essere ben spiegate agli studenti e ai loro genitori” ha aggiunto Saitta incassando gli applausi dei presidenti di Provincia. “Bisogna spiegare soprattutto che il governo non ha il coraggio di fare una spending review su se stesso e che, tra l’altro, siamo pronti anche – ha sottolineato – ad interrompere i lavori di manutenzione nelle scuole. E quando qualche procuratore della Repubblica, come accade nella provincia di Torino con il bravo Guariniello, ci dirà che i lavori debbono essere terminati, noi opporremo un netto rifiuto, visto che le risorse non ci sono più”.Di questo “informeremo il Consiglio superiore della magistratura e al vicepresidente Michele Vietti chiederemo se dobbiamo rispettare i programmi per il controllo delle scuole o se invece dobbiamo dare retta ai tagli imposti dal governo con la spending review. Stessa richiesta – ha aggiunto – la faremo alla Corte dei Conti, anche relativamente ai numerosissimi decreti ingiuntivi che in questi giorni stanno arrivando agli Enti da parte delle imprese, che ammontano nel complesso a circa 2,8 miliardi di euro”. Altre azioni analoghe, ha annunciato il neopresidente dell’Upi, dovranno essere prese dal prossimo ufficio di presidenza dell’organizzazione per quanto riguarda l’espletamento di altri servizi, come ad esempio i trasporti e i centri per l’impiego, che molto probabilmente verranno chiusi”.

SPENDING REVIEW, VIA 7.400 POSTI LETTO DA OSPEDALI – Dovranno diminuire di almeno “7.389 unità ” i posti letto nelle strutture ospedaliere italiane in attuazione della spending review. E’ quanto si legge in una nota del ministero della Salute che chiarisce che le Regioni che già si trovano sotto la percentuale di 3,7 posti per mille abitanti avranno la facoltà di aumentarli fino a questo tetto.

I criteri per la riorganizzazione della rete ospedaliera sono contenuti nello schema di decreto sulla ‘Definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedalierà, inviato alla Conferenza Stato-Regioni dal Ministro della Salute Renato Balduzzi di concerto con il Ministro dell’Economia Vittorio Grilli. Il Regolamento, si legge nella nota del ministero, indica il metodo di calcolo per la riduzione delle Unità operative complesse e la riconversione delle strutture ospedaliere. Al 1 gennaio 2012 in Italia erano presenti 231.707 posti letto (3,82 ogni mille abitanti) di cui 195.922 per acuti (3,23 ogni mille abitanti) e 35.785 per post-acuti (0,59). La legge 135/2012 indica come obiettivo una media complessiva di 3,7 posti letto per mille abitanti, di cui 0,7 deve essere dedicato a riabilitazione e lungo-degenti e i restanti 3 per gli acuti. I posti letto devono quindi arrivare in totale a 224.318. Di questi 181.879 dovranno essere per acuti (- 14.043) e fino a 42.438 per post- acuti (+ 6635).

PATRONI GRIFFI A SAITTA, COMPORTAMENTO PIU’ CONSONO – “Al neo Presidente dell’Upi, Antonio Saitta , faccio i complimenti per il nuovo incarico e soprattutto gli auguro di avere un comportamento più consono all’ Istituzione che rappresenta”. E’ quanto afferma il ministro della Funzione pubblica Patroni Griffi in una nota.

Translated with Google Translate

ROME – “Ventilate the idea to turn off the heating in schools and offer longer holidays for students to hypothetical savings hear of an outside reality.” And ‘what is said in a statement issued by Prime Minister’s office, which stressed that the government aims to “optimize costs and services” in the provinces.

All Italian provinces make use of tar against the cuts launched by the government against the Province announced it Saitta, president UPI, explaining that “it is a decision no longer be postponed, as the 500 million cuts imposed on the provinces are not tolerable. “The Italian provinces decide to short the closure of heating in schools, and consequently the increase in rentals for students. Saitta explained that the initiative” begins to protest against cuts to 500 million resolved with the spending review.” “The government is ungrateful and how these decisions should be well explained to the students and their parents,” he added Saitta earning the applause of the Presidents of the Province. “You have to explain especially that the government does not have the courage to make a spending review on himself and that, among other things, we’re also – he said – to stop maintenance work in schools. And when some prosecutor’s office, as is the case in the province of Turin with the good Guariniello, tells us that the work must be completed, we will oppose an outright refusal, as the resources are gone. “of this” inform the Council of the Judiciary and the Vice President Michele Vietti ask if we respect the programs for the control of the schools, or whether we need to pay attention to the cuts imposed by the government with the spending review. request the same – he added – will the Court of Auditors, as are the numerous injunctions that these days are coming to the bodies by enterprises, amounting to a total of 2.8 billion euro. ” Other similar actions, has announced the new president UPI, should be taken from the next Bureau organization with regard to the performance of other services, such as transport and employment centers, which will most likely be closed “.

Spending Review, VIA 7400 BEDS FROM HOSPITALS – will have to fall by at least “7,389 units” of the beds in Italian hospitals in implementation of the spending review. And ‘what is said in a statement from the Ministry of Health, which clarifies that the regions that are already below the rate of 3.7 people per thousand inhabitants shall be entitled to increase this to this roof.

The criteria for the reorganization of the hospital network are contained in the draft decree on the ‘Definition of quality standards, structural, technological and quantitative to hospital, sent to the State-Regions Conference by the Health Minister Renato Balduzzi in consultation with the Minister of ‘Economics Vittorio Grilli. The Regulations, the statement of the ministry, is the method of calculation for the reduction of complex operational units and the conversion of hospitals. At January 1, 2012 in Italy there were 231,707 persons (3.82 per thousand), of which 195,922 acute care (3.23 per thousand) and 35,785 for post-acute (0.59). Law 135/2012 states that its objective an overall average of 3.7 beds per thousand inhabitants, of which 0.7 must be dedicated to rehabilitation and long-patients and the remaining third to the highs. The beds should then reach a total of 224,318. Of these 181,879 will be for acute (- 14 043) and up to 42,438 for post-acute (+ 6635).

Patroni Griffi A SAITTA, BEHAVIOUR PIU ‘ABIDING – “The new president UPI, Antonio Saitta, I congratulate him for his new post and wish him a particular behavior more suited to’ institution that represents.” And ‘what says the Minister for Public Patrons Griffi in a statement.

 

Fonte – Ansa.it

Pmd-group Srl

 

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Governo: fuori dalla realta’ spegnere il riscaldamento nelle scuole.

  1. You completed a number of good points there. I did a search on the matter and found most persons will agree with your blog.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: