dove come quando

"il silenzio è d'oro, la parola d'argento"

I consigli Pirelli per guidare sicuri anche in inverno.

Parla l’esperto:

I consigli Pirelli per guidare sicuri anche in inverno

I consigli Pirelli per guidare sicuri anche in inverno

ROMA Con l’arrivo della stagione fredda torna anche l’esigenza di equipaggiare l’automobile con pneumatici invernali o catene da neve a bordo per affrontare con tranquillita’ le difficili condizioni climatiche. A prescindere dal meteo, comunque, l’obbligo di utilizzare questo equipaggiamento invernale e’ anche sancito, in specifici momenti dell’anno, dalle ordinanze dei gestori delle strade e dai cartelli stradali e, se disatteso, prevede sanzioni pecuniarie. Un adeguato equipaggiamento invernale, comunque, oltre ad essere la soluzione ottimale per affrontare con tranquillita’ l’autunno e l’inverno e’ anche un alleato prezioso per la sicurezza di chi guida, dei suoi cari e di tutti gli utenti della strada.

Per capire cosa fare in vista della stagione fredda e per non farci cogliere impreparati da brusche e magari improvvise perturbazioni ci confrontiamo con un esperto in materia: Giovanni Ricci, responsabile marketing Italia di Pirelli, con il quale approfondiamo il discorso relativo all’obbligo di montare pneumatici invernali o avere le catene a bordo.

”La modifica del Codice della Strada nel 2010 ha introdotto il concetto di pneumatico invernale, sostituendolo a quello di pneumatico da neve. Questo ha aperto la via a una legislazione preventiva, svincolata dalla presenza di neve al suolo, ma legata a un periodo caratterizzato da condizioni e temperature tipicamente invernali. L’articolo 6 comma 4 lettera ”e” ha esteso i poteri dell’ente proprietario della strada che, con apposita ordinanza, puo’ ora fissare per un periodo temporale prestabilito l’obbligo di munirsi di pneumatici invernali o in alternativa di mezzi antisdrucciolevoli. Il periodo di validita’ di dette ordinanze varia da Comune, Provincia ed Ente, ma anche da una zona all’altra. Spesso al Nord si introduce prima di quanto non accada al Sud. La complessa orografia del territorio italiano e la notevole diversita’ meteorologica tipica dell’Italia inevitabilmente rende difficile uniformare i periodi di esecuzione delle ordinanze. Per dare dei limiti temporali, pero’, possiamo dire che le prime ordinanze entrano in vigore attorno al 15 ottobre e terminano attorno al 15 aprile”. Ovviamente con tutti i distinguo cui abbiamo accennato prima.

SI TRATTA DI UN OBBLIGO, OPPPURE SI PUO’ DECIDERE DI CONTINUARE A VIAGGIARE CON GOMME ESTIVE E SENZA CATENE A BORDO?

”L’obbligatorieta’ di montare gomme invernali o avere a bordo mezzi antisdrucciolevoli fa seguito a un’ordinanza o all’apposita segnaletica verticale e, quindi, se la si disattende si rischiano sanzioni pecuniarie. Tuttavia, preferisco sottolineare che ognuno di noi al primo posto deve mettere la propria sicurezza e quella degli altri e, quindi, adottare le soluzioni piu’ idonee per viaggiare in tranquillita’ e senza rinunciare al piacere di guida anche in inverno”.

OLTRE CHE PER OTTEMPERARE A UN ARTICOLO DEL CODICE DELLA STRADA, PERCHE’ CONVIENE MONTARE GOMME INVERNALI NELLA STAGIONE FREDDA E QUELLE ESTIVE QUANDO LE TEMPERATURE SI INNALZANO?

”L’obbligatorieta’ ha un valore preventivo per tutelare la sicurezza dei viaggiatori, oltre che per evitare i costi sociali legati ai fenomeni meteorologici. Pensiamo per esempio a casi recenti come la nevicata dello scorso febbraio che ha bloccato Roma; oppure le precipitazioni nevose dell’inverno 2011 che hanno messo a dura prova il traffico milanese, tangenziali comprese! O ancora piu’ gravi quelle che nel 2010 hanno bloccato l’Italia intera. Da non sottovalutare l’aspetto fondamentale dello spazio di frenata. A dircelo sono anche i test ”Inverno in sicurezza” di Assogomma: in caso di frenata di emergenza su fondo innevato e in leggera discesa un’auto che procede ad appena 40 km orari con pneumatici invernali frena in 12 metri, il medesimo veicolo con equipaggiamento estivo frena in 63 metri. Ne consegue una riduzione di ben 51 metri. Questo e’ il risultato di disegni battistrada e mescole speciali pensati appositamente per dare il ”massimo” in condizioni invernali, anche estreme. Di contro nella stagione calda sono gli pneumatici estivi a garantire maggiore performance e sicurezza, grazie a specifiche mescole e disegni battistrada. Questa specializzazione e’ anche dovuta all’enorme evoluzione dell’auto degli ultimi anni, che ha richiesto massima reattivita’ e performance in ogni condizione della strada da quello che rappresenta l’unico elemento di contatto dell’auto con l’asfalto: lo pneumatico. Questo connubio auto-pneumatico e’ ancora piu’ ottimale per quei prodotti sviluppati in collaborazione con i costruttori auto e spesso identificati da una speciale marcatura sul fianco”.

COME SI SCEGLIE E SI DISTINGUE UNO PNEUMATICO INVERNALE?

”Sicuramente un primo aiuto visivo e’ rappresentato dalle cosiddette ”lamelle”, ossia da degli intagli piuttosto fitti sui tasselli del battistrada che con un effetto ”ventosa” garantiscono un maggiore grip anche su ghiaccio e neve. Inoltre, sul fianco del pneumatico sono presenti la marcatura ministeriale M+S o MS (Mud and Snow, Fango e Neve) e spesso il simbolo del fiocco di neve rappresentato in una montagna stilizzata. Alcuni di questi simboli sono frutto di autocertificazione da parte dei produttori. E’ quindi importante per il consumatore finale affidarsi a produttori che investono una percentuale elevata del proprio fatturato in innovazione e controlli secondo standard europei che garantiscono massima sicurezza e trasparenza sui livelli qualitativi del prodotto. Ovviamente e’ fondamentale che lo pneumatico invernale sia prodotto con mescole apposite, ma questo e’ impossibile da stabilire a occhio nudo. Di conseguenza, e’ sempre bene rivolgersi ai gommisti specializzati che conoscono le caratteristiche del prodotto e sono in grado di consigliare gli pneumatici piu’ indicati alle singole esigenze.

IN UN MOMENTO DIFFICILE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO, PRATICAMENTE SI CHIEDE AGLI AUTOMOBILISTI UN ULTERIORE INVESTIMENTO…

”Sotto gli occhi di tutti c’e’ il fatto che due set di gomme possono durare circa il doppio, pero’ questo non e’ il tema principale. Dobbiamo considerarlo un investimento legato al 100% alla nostra sicurezza. Come nell’esempio precedente della riduzione dello spazio di frenata, un equipaggiamento idoneo puo’ evitare i danni al veicolo causati anche solo da un piccolo tamponamento e il relativo aumento del premio assicurativo l’anno successivo. E’ inoltre provato che utilizzare correttamente due set di pneumatici ottimizza la vita delle gomme stesse e ancor piu’ i consumi e le perfomance dell’auto. Infatti, la doppia frequenza annuale dal gommista fa si’ che la pressione e lo stato degli pneumatici siano regolati correttamente e questo porta un risparmio sicuro al guidatore sia sul carburante, sia sulla resa chilometrica degli pneumatici. Infine, si puo’ usare la macchina anche quando nevica o c’e’ ghiaccio, quindi accompagnare i figli a scuola, andare al lavoro, evitando ulteriori disturbi o perdite economiche”.

 

Fonte – Ansa.it

Linea sicurezza Gas

Pmd-Group Srl.
Linea sicurezza GasFonte – Ansa.it

 

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “I consigli Pirelli per guidare sicuri anche in inverno.

  1. I do agree with all of the ideas you have presented in your post. They are really convincing and will definitely work. Still, the posts are very short for beginners. Could you please extend them a little from next time? Thanks for the post.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: